Abderrahim El Hadiri

“Faccio teatro per attraversare le frontiere tra te e me, creando un ponte fatto di poesia, musica, vibrazioni di corpo, sguardi, mescolato a  quello che io sono, nella vita.”

 

Chi è?

Avventuroso, spericolato, chiacchierone, socievole, Abderrahim viene da Oulad Omran (Marocco) dove suo padre era un Imam della moschea e amava narrare storie legate all’Islam.

L’amore per il teatro nasce quando, da bambino, vede per la prima volta un narratore del quartiere raccontare Le Mille e una Notte. E’ l’inizio di una passione che dura tuttora.

Recita nel gruppo universitario di Marrakech, studiando in particolare, con Tayeb Esadeki, il genere Furga (tecnica di stravolgimento in chiave clownesca delle fiabe arabe classiche) e il teatro d’attore con oggetti con Abdel Hak Ezzarhouni. Ha gestito ed animato la Casa dei Giovani di Marrakech.

Nel 1989 arriva in Italia per proseguire gli studi universitari. La svolta avviene nel 1991 grazie all’incontro con la Cooperativa Teatro Laboratorio di Brescia, per cui lavora a lungo, con particolare attenzione al teatro ragazzi, tenendo laboratori per le scuole e corsi di formazione per insegnanti ed educatori. Dal 2013 prosegue l’attività nella nuova compagnia Cicogne teatro arte musica.

 

Il suo percorso lo porta ad approfondire l’incontro tra la cultura narrativa/gestuale del proprio paese e la teatralità occidentale.

Alcuni suoi spettacoli, tra cui “Sotto la Tenda”, “Heina e il Ghul”, “Giamour” ed “Extracom” sono stati presentati nelle più significative rassegne e festival di teatro.

 

 

 

Calendario di lavoro

Nel 1993 nasce la fiaba in lingua araba Heina e il Ghul, regia di regia Mario Gumina

Nel 1996, allestisce narrazione teatrale Sotto la tenda – vi racconto il mio    Marocco, regia di Mario Gumina e collabora con USSL, Università e ONG

Mediatore Culturale per la Provincia di Brescia

Nel 1997, è relatore e attore nell’ambito del Master corso post – lauream di “Esperto in Animazione Teatrale”, organizzato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.

Nel 1998 collabora all’interno della manifestazione “Chiama l’Africa”, coordinata dal CoASIV (Coordinamento di Associazioni di Solidarietà Internazionale del Veneto) nella realizzazione delle 10 edizioni del corso di aggiornamento per docenti di ogni ordine e grado

Dal 2010 è coordinatore e animatore del laboratorio dei profughi di Casa Giona di Breno, Valcamonica, Progetto K.pax

 

È poi attore e/o regista negli spettacoli:

-Giamour (produzione Cooperativa Teatro Laboratorio)

-Gellaba e Keftan (produzione Cooperativa Teatro Laboratorio)

-Musafir (produzione Cooperativa Teatro Laboratorio)

-Giulietto e Romea (co-produzione CTB Teatro Stabile di Brescia – Arena del Sole Teatro Stabile Bologna)

-Extracom (in collaborazione con CTB Teatro Stabile di Brescia )

-La vie delle fiabe–Un viaggio tra oralità e scrittura  (produzione Cooperativa Teatro Laboratorio)

-Momo e il Cactus (produzione Cooperativa Teatro Laboratorio)

-Chanel n°5 (produzione Cicogne teatro arte musica)

-Buon Natale Babbo Noè (produzione Cicogne teatro arte musica)

-Murrakusch (produzione Teatro No’hma Teresa Pomodoro)

-Parole sulla sabbia (produzione Cicogne teatro arte musica)